Menu
 
×

Avviso

Lack of access rights - File '/C:/Documents%20and%20Settings/Elena%20Fera/Desktop/diocesifrosinone/sitoweb/z-dafare/images/Giovardiana1mini.jpg'
0
0
0
s2smodern

giovardiana1 Per informazioni e consultazioni
Rivolgersi ai recapiti telefonici:
- 0775.238254 (il venerdì in questi orari: 9.00-13.00 e 14.00-17.00)
- 0775.290973 (il martedì, giovedì e sabato mattina)

Segue un articolo del Prof. Paolo Scaccia Scarafoni

È la più antica biblioteca d'uso pubblico del Lazio meridionale, essendo stata istituita a favore della città, il 20 gennaio 1773, dal prelato e giurista mons. Vittorio Giovardi (Veroli 1699 - Roma 1786) in accordo col vescovo di Veroli e con i rappresentanti del Seminario cittadino, nel cui edificio la Giovardiana ha sede.


Essa mantiene inalterato l'assetto architettonico e decorativo originario, conferitole dall'architetto romano Niccolò Fagiuoli. Come è caratteristico delle biblioteche settecentesche italiane, gli ambienti principali sono due: un salone - di vaste proporzioni - per la consultazione e per la conservazione degli stampati; e un secondo ambiente per i manoscritti e per i materiali che necessitano di particolari cure nella conservazione. I volumi sono ordinati in scaffali chiusi, posti lungo le mura perimetrali ed accessibili - nella parte superiore - per mezzo di balconate.

La mobilia è tuttora quella voluta dal fondatore e l'estetica della biblioteca è completata dai ritratti dei più insigni personaggi storici locali.

giovardiana2 I fondi librari ascendono a 20.000 stampati (dal sec. XV) e 550 manoscritti (dal sec. XII, latini, greci, siriaci, etiopici), che derivano in massima parte dalla biblioteca privata dell'istitutore e ne rispecchiano gli interessi. Vittorio Giovardi era decano del tribunale della Segnatura apostolica, atti vissimo membro dell'accademia letteraria romana dell'Arcadia, appassionato bibliofilo, erudito cultore di studi giuridici, paleografici, codicologici, epigrafici e - più in generale - storico-umanistici, con particolare riguardo al Lazio meridionale e alla natia Veroli; infatti, elaborò un'ampia e documentatissima Historia Verularum, che concerne le vicende storiche della città e dei centri della diocesi verolana.

Inoltre, la biblioteca conserva i seguenti beni archivistici:

§                un fondo di 132 pergamene (dal sec. XIII), accessione del 1924, derivante dalla famiglia Spani Molella di Veroli;

§                a titolo di deposito dal 1920, i fondi preunitari dell'Archivio storico del Comune di Veroli (pergamene dal sec. XIII e cartacei dal XV);

§                parimenti a titolo di deposito, l'Archivio della famiglia Campanari di Veroli (224 pergamene dal sec. XI e cartacei dal XV), che - tra i più risalenti della città - comprende anche le carte personali del fondatore della Giovardiana.

Per antiche accessioni, la Giovardiana comprende anche una raccolta archeologica (ex voto e materiali fittili d'età romana repubblicana, corredi funerari tardo-antichi, ceramiche medioevali); per donazione recente, la biblioteca conserva anche abiti della Corte pontificia, appartenuti alla famiglia del cardinale Gaetano Bisleti (1856-1935). Sono deposito da parte del Comune di Veroli le toghe senatorie della magistratura municipale in epoca pontificia (concessione papale del 1699).

servizi

Strumenti di ricerca disponibili in Biblioteca:

·  Catalogo cartaceo per autore, soggetto personale e soggetto locale, con spoglio delle poligrafie;

·  Catalogo a stampa degli incunabuli;

·  Catalogo a stampa delle edizioni cinquecentine;

·  Catalogo informatico degli stampati anteriori al 1830;

·  Inventario a stampa dei manoscritti;

·  Catalogo analitico a stampa dei manoscritti dei secoli XII-XVI;

·  Regesto a stampa delle pergamene della biblioteca e dell'Archivio storico preunitario del Comune di Veroli (depositato in Giovardiana);

·  Regesto su pc delle pergamene dell'Archivio Campanari e inventario su pc dei fondi cartacei del medesimo archivio;

·  Inventario dattiloscritto dei fondi cartacei preunitari dell'Archivio storico preunitario del Comune di Veroli (depositato in Giovardiana).

 

Altri servizi:

·         riproduzione digitale del materiale antico;

·         Per statuto di fondazione, non può essere praticato il prestito;

·         è prevista la visita guidata agli ambienti storici della biblioteca il martedì e giovedì (ore 9,30-12 e 16-17,30), sabato (ore 9,30-12) e nei giorni festivi (ma con orari e modalità da concordare preventivamente).

 

 Fotogallery fotogallery  Massmedia
AudioVideo
Incontri Biblici 2019-20

ascoltare la parola di Dio mini
26 settembre 2020 * S. Damiano Martire
Avvenire Lazio 7
L7logo
Pagina diocesana
Facebook in Italia

Feed principali

Evangelii Gaudium riflessione diocesana

Abbiamo 356 visitatori e nessun utente online

Visite agli articoli
13642687